Narrando l'Oltrepò attraverso i suoi eventi

Un nuovo modo di raccontare l’Oltrepò pavese a partire da eventi, feste e sagre. Storytelling e condivisione per valorizzare un territorio in maniera innovativa. Un modello di comunicazione uniformata: scopri data, ora e luogo dell’evento che fa per te.
Narrando l'Oltrepò attraverso i suoi eventi - Immagine: 1
Narrando l'Oltrepò attraverso i suoi eventi - Immagine: 2

Vi è mai capitato di vedere i cartelloni della campagna Visit Britain mentre aspettate il pullman?
E poi magari di salirci e ritrovarvi a contemplare la pubblicità di Romagnaturismo per evitare di fissare quello seduto davanti a voi? Oppure, nei momenti di noia scorrere tra i post di instagram quelli di “It’s Tuscany”?

Forse non ci avete fatto caso, eppure sono tutti modi di fare marketing territoriale narrando le tradizioni di un territorio attraverso i suoi eventi.
Oggi la comunicazione si basa sullo storytelling, che tradizionalmente fa riferimento alla narrazione di storie, ma che ha nel marketing un’ulteriore accezione: significa infatti creare identificazione.

Storytelling e condivisione, diventano cruciali non solo per raccontare le storie, le tradizioni e i sapori di un territorio ma anche per dare visibilità a ciò che accade nel presente: eventi, feste, sagre.
oltrepoAdvisor nasce per fare in modo che chiunque possa sapere non solo cosa si può fare in Oltrepò Pavese, ma anche l’ora e il luogo in cui può farlo.
È un modo di raccontare, o meglio, di narrare la tradizione proiettato al futuro e all’esperienza diretta. oltrepoAdvisor è da considerarsi molto più di un blog, molto più di un motore di ricerca, molto più di un aggregatore d’informazioni: è un modello di comunicazione uniformata.
Può valere come punto di partenza progredito per il turismo in Oltrepò: perché fare bene al territorio significa fare bene alle persone che ne fanno parte.

 

“Ho imparato  che le persone possono dimenticare ciò che hai detto, le persone possono dimenticare ciò che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire”
– Maya Angelou